[PARLIAMO DI CINEMA] "Nuraghes S'arena": un prodotto da supportare. - La tomba per le lucciole

[PARLIAMO DI CINEMA] "Nuraghes S'arena": un prodotto da supportare.


Il 3 Maggio 2017 esce su YouTube — sul canale ufficiale "Nuraghes Official" — il cortometraggio "Nuraghes S'arena", scritto e diretto da Mauro Aragoni.

Riporto qua sotto la trama, reperibile proprio sul canale YouTube:
Un guerriero nuragico di nome Arduè è perseguitato da incubi, a volte dall'inferno che cerca di comunicare con lui. Il ricordo di sua figlia emerge nella sua testa ogni notte. Il rimorso per non averla salvata qualche anno prima è un costante tormento. Una volta scoperto il nome dell'assassino, Arduè, con il maestro Bachis, decide di intraprendere un lungo viaggio per unirsi ad un torneo segreto e sanguinario. Un'antica arena di sabbia nelle montagne, dove armi in bronzo incontrano sangue e carne, e dove gli sciamani reclutano i migliori guerrieri dell'isola. Qui è dove Arduè si troverà faccia a faccia con diversi guerrieri per arrivare infine a fronteggiare l'uomo che prese la preziosa vita di sua figlia.

Con un budget di 7000 euro Mauro Aragoni tira fuori un cortometraggio che fa della sua messa in scena un vero elemento su cui puntare. La regia passa da campi lunghissimi con i droni a camera a mano, carrellate lente susseguite da movimenti bruschi e tremolanti. Allo stesso modo il montaggio imposta benissimo il ritmo e l'atmosfera de-saturata ed epica della storia per quasi tutta la sua durata. 

Veramente interessante è l'utilizzo della computer grafica che tranne in qualche inquadratura risulta essere davvero realistica e per nulla fastidiosa, complice anche l'intensa fotografia che contrasta tutte le inquadrature conferendo alla scena un tono che si muove tra l'horror e il fantasy

Padrone del cast è ovviamente Rodolfo Bianchi, unico a parlare durante il cortometraggio, che accompagna lo spettatore attraverso la storia con una voce veramente inconfondibile ed estremamente profonda.


In queste produzioni viene sempre da pensare che la scarsità di mezzi e di tecnologie porti ad un utilizzo della computer grafica — ovviamente di bassa qualità — spropositato e fuori luogo; paradossalmente invece gli unici problemi di messa in scena del cortometraggio sono le coreografie e la poca credibilità degli scontri. Vediamo infatti schivate a dei colpi inesistenti, pugni finti(ovviamente) troppo finti, e sostanzialmente dei combattimenti che sanno troppo di coreografia e non restituiscono l'idea di sete di vendetta che il protagonista dovrebbe avere(causa anche il montaggio che in alcuni momenti distoglie eccessivamente l'attenzione dallo scontro riducendone l'enfasi).

Nulla da dire invece sulla sceneggiatura, ed in generale sulla storia, che non avendo nulla di peculiare, necessita di un miglioramento del comparto visivo al fine di non apparire così tanto scarna, concedendo allo spettatore per lo meno il gusto dell'intrattenimento.

Costumi e armi davvero fatti/e con grande abilità, e location mozzafiato. E' proprio su questo che ritengo ci sia da puntare, in modo tale da creare una storia fantasy che ponga le sue basi sulla storia di una regione sulla quale ha vissuto una civiltà unica e davvero caratteristica.

Proprio in virtù di ciò "Nuraghes S'arena" è un progetto da supportare, ma soprattutto da aiutare, in quei punti dove la produzione si è dimostrata più debole. Nulla di irreparabile, anzi: qualcosa su cui lavorare e che senza problemi potrebbe diventare veramente interessante e ben fatto, in un panorama come quello italiano dove questo tipo di storie sembrano così tanto lontane e remote.

Nessun commento

Powered by Blogger.