[PARLIAMO DI CINEMA] "Thor: Ragnarok": mazzate e calzamaglie. - La tomba per le lucciole

[PARLIAMO DI CINEMA] "Thor: Ragnarok": mazzate e calzamaglie.


Nota: non ho mai letto i fumetti relativi all'argomento, ergo il mio parere sarà esclusivamente riguardante ciò che penso del prodotto cinematografico in relazione alla sua materia e non alle fonti esterne dalle quali è tratto.

Eccomi qui a parlare delle mie prime impressioni sul trailer di "Thor: Ragnarok", film in uscita alla fine del 2017, diretto da Taika Waititi e scritto da Eric Pearson.


Partiamo proprio dai due nomi qua sopra citati:

  • Taika Waititi è un regista che ha suscitato il mio interesse in relazione a questo film, in quanto si tratta di un comico. I film da lui girati precedentemente presentano tutti una componente comica - unita in un contesto anche col genere horror-mockumentary - che a quanto pare è stata riconosciuta da molti, specialmente nel suo paese natale, la Nuova Zelanda(un suo film è stato inoltre l'incasso più alto nella Nuova Zelanda). Non conosco la sua opera, però dati alla mano è chiaro che il regista in questione non è un esordiente. Inoltre la sua impronta comica potrebbe essere essenziale nel gestire un film che - da quel che sembra - rimane in linea con i canoni tipici di casa Marvel, in particolare col suo lato comico. Una pecca di molti cinecomics di questo stampo infatti - l'eccessiva e davvero poco contestualizzata puerilità di alcuni momenti - potrebbe venir meno, o quantomeno essere ridimensionata, nelle mani di chi conosce bene questo "ambiente".
  • Eric Pearson invece ha già alle spalle diverse puntate di Agent Carter, non è dunque nuovo alla materia che si è trovato a trattare in quest'altra pellicola.
Personalmente mi piace molto Thor, è un tipo di fantasy che gradisco particolarmente in quanto non ricercante di atmosfere epiche e auliche, ma capace di restituire una sensazione molto piacevole di un mondo colorato seppur non eccessivamente puerile, ed è proprio per questo che il trailer mi da fiducia. Le basi poste in queste poche scene mostrate fanno pensare ad una pellicola che avrà un tono epico ma non epocale, colorata ma non caricaturale.



Menzione d'onore per una Cate Blanchett che in qualche secondo di trailer ruba completamente la scena a tutti gli altri villains, presentandosi come un un personaggio di un certo carisma sullo schermo. A tal proposito una piccola preoccupazione è data dalla paura che gestire più di un villain – come accadrà in questo film – potrebbe risultare un po' complicato e caotico a livello di trama, che potrebbe complicarsi inutilmente e, nel peggiore dei casi, ingarbugliarsi irrimediabilmente schiacciata dal peso di antagonisti troppo presenti o, al contrario, troppo assenti.

In conclusione aspetto di divertirmi con questo Thor: Ragnarok, senza avere alcuna pretesa di guardare un film grandioso, ma un semplice blockbuster che abbia quantomeno dei bei costumi, delle buone scenografie e, soprattutto, qualche scena d'azione girata con garbo, cosa che sembra esser diventata veramente una virtù piuttosto che una capacità registica di base.

2 commenti:

  1. Ho visto tutti i film di Thor e li ho apprezzato molto. Non vedo l'ora che esca il seguito!😊 Grazie per queste tue prime impressioni, vado a vedere il trailer!😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non considero i film di Thor come tra i migliori di casa Marvel, eppure le ambientazioni e il comparto scenografico sono molto di mio gusto. Spero di andare a vedere al cinema un film quantomeno godibile.
      Lieto di aver suscitato il tuo interesse, ad ogni modo :)

      Elimina

Powered by Blogger.